Menu

L'INVERNO VIAGGIANTE IN CAMPER E CARAVAN

PNEUMATICI E CATENE DA NEVE

pneumatici_invernali_catene_da_neve_camper

 Torna all'indice di Come fare per... preparare la meccanica in inverno

 

di Lorenzo Gnaccarini

Gli pneumatici devono essere più che mai in ottimo stato, con battistrada poco usurato e la convergenza deve essere perfetta. Le catene devono essere sempre a bordo, anche in estate, perché possono servire per togliersi dal fango.

I consigli sono elencati in ordine di importanza.

Primo consiglio: CONVERGENZA PERFETTA

Infatti, la convergenza non perfetta provoca la perdita di aderenza in qualsiasi condizione atmosferica, oltre ad una usura precoce degli pneumatici e l'aumento del consumo del carburante.

In estate i problemi di convergenza sono quasi impercettibili, in quanto l'attrito tra il pneumatico e l'asfalto è molto alto e la perdita di aderenza è trascurabile.

Ma in inverno, già con fondo stradale asciutto ma “sotto zero” o, peggio ancora, in caso di ghiaccio o neve, i problemi alla convergenza si riscontrano in maniera sensibile sia in frenata che durante la percorrenza di curve.

Si possono avere gli pneumatici invernali migliori ma se la convergenza non è perfetta, ci si trova a guidare come se avessimo le gomme lisce.

Secondo consiglio: PNEUMATICI CON BATTISTRADA POCO USURATO

Perché non ho scritto “pneumatici invernali”? Perché gli pneumatici invernali con battistrada usurato si comportano in maniera peggiore rispetto a pneumatici nuovi o poco usurati, anche se non sono invernali o M+S.

Naturalmente, a parità di battistrada, gli pneumatici invernali sono nettamente migliori, ma devono avere un buon battistrada, ed è questa la cosa più importante.

Terzo consiglio: PNEUMATICI ALLA GIUSTA PRESSIONE

La pressione degli pneumatici risente molto della temperatura esterna. Forse non tutti non sanno che la pressione degli pneumatici può calare anche di 0,5 bar se la temperatura esterna diminuisce di 10°C rispetto alle condizioni che avevamo quando abbiamo gonfiato gli pneumatici l'ultima volta.

In poche parole, se in Agosto a 30° avevo gonfiato gli pneumatici a 5,5 bar, in Novembre, a 10°, senza che vi sia alcuna perdita, tutti gli pneumatici avranno una pressione inferiore a 5 bar.

Il pneumatico gonfiato ad una pressione non idonea, oltre alla usura non omogenea, non ha una impronta a terra efficace, quindi in caso di scarsa aderenza, si ha meno tenuta di strada rispetto allo stesso pneumatico alla corretta pressione.

Naturalmente, lo stesso problema si presenterà in primavera, quando la temperatura esterna ritornerà a crescere.

Quarto consiglio: CATENE DA NEVE

Le catene da neve sono indispensabili ed andrebbero tenute nel gavone tutto l'anno, anche in estate.

Può capitare di parcheggiare su di un bellissimo prato in montagna ma poi, per colpa di un temporale, ci si trova impantanati e non ci si riesce più a muovere. Con le catene si riesce ad uscire da questo problema.

Ma le catene da neve non sono tutte uguali: i nostri mezzi sono molto pesanti ed occorre acquistare i modelli per il trasporto leggero, non bisogna commettere l'errore di acquistare un modello non rinforzato anche se la misura è idonea per la misura dei nostri pneumatici. Una catena non idonea, se si rompe, può far rimpiangere il risparmio sul costo rispetto ad una catena corretta.

Le catene da neve devono essere della misura corretta per i nostri pneumatici: prima di acquistarle, guardate bene la misura scritta sugli pneumatici, perché a parità di meccanica, la casa costruttrice consente diverse misure di pneumatici, quindi occorre scegliere le catene che siano idonee per essere montate sugli pneumatici presenti sulla meccanica.

Le catene, che vanno montate sulle ruote di trazione, devono essere utilizzate solo in caso di neve presente sulla strada e vanno rimosse su asfalto pulito, perché l'aderenza degli pneumatici con le catene è molto minore rispetto all'aderenza dei soli pneumatici ed insistere a viaggiare su asfalto pulito può provocare danni agli organi di trasmissione, sterzo e sospensioni, oltre a rischiare la rottura della catena.

Bisogna montarle bene, cioè devono essere tirate. Una catena lenta, con il ruotare, le maglie si allargano per la forza centrifuga e potrebbero agganciare una parte di telaio, con conseguenze molto pericolose e dannose.

Il montaggio delle catene è una operazione semplice e abbastanza rapida... quando viene eseguita in condizioni climatiche perfette. Ma quando c'è bisogno di montare le catene, normalmente c'è una bufera di neve, ci siamo bloccati in mezzo alla strada ed è di notte, con un freddo tremendo. Quindi conviene provare e riprovare varie volte a montarle a casa, nel proprio giardino, in autunno, per cercare di prendere confidenza con questa operazione, affinché quando avverrà la necessità di montarle, dobbiamo solo preoccuparci di affrontare le condizioni climatiche e non leggere le istruzioni... Ricordatevi di provare a montarle con i guanti.

Quindi, dopo averle montate correttamente, occorre fare qualche metro avanti ed indietro e tornare a tirarle: vedrete che le troverete lente e bisognerà tirarle a fondo. A questo punto, le catene sono montate correttamente e potranno rimanere montate anche per molti km senza alcun problema.

Con le catene montate, bisogna andare piano. Non c'è nessun altro accorgimento: basta andare piano.

Con le catene a bordo si può transitare durante i divieti di circolazione invernali.

Quinto consiglio: PNEUMATICI INVERNALI

C'è poco da dire, chi ha già provato gli pneumatici invernali (termici) sulle auto, ha sicuramente notato l'enorme differenza che si ha nelle prestazioni su strade ghiacciate od innevate, ma anche solo “fredde”, infatti la mescola di questi pneumatici “va in temperatura” in maniera più rapida e consentono di avere una aderenza maggiore rispetto agli pneumatici estivi già sotto i 7°.

A questo punto, prima di fare l'investimento per acquistare gli pneumatici invernali, converrebbe analizzare a fondo quale tipo di vacanza invernale ci piace fare.

Se l'utilizzo del veicolo è sporadico e limitato a poche uscite, casomai in località non montane come le città d'arte o il mare d'inverno, mi sento di consigliare di mantenere gli pneumatici estivi ma di dotarsi di catene da neve e di adottare, comunque, uno stile di guida tranquillo soprattutto nel percorrere le curve e nelle frenate anche se le strade sono asciutte.

Se, invece, si desidera recarsi in montagna per trascorrere le vacanze sulla neve, allora conviene pensare alla sicurezza ed ai vantaggi di avere gli pneumatici invernali.

Attenzione, però, che esistono due tipologie di pneumatici:

  • Pneumatici M+S: non sono pneumatici invernali, cioè non sono "termici", ma hanno un battistrada che permettono di avere un grip maggiore in caso di neve o ghiaccio. Infatti, la sigla M+S significa Mould + Snow (fango + neve) grazie proprio alle scanalature del battistrada che permettono di aggrapparsi maggiormente rispetto agli pneumatici prettamente estivi. Questi sono pneumatici che si possono utilizzare tutto l'anno, anche in estate, garantendo una tenuta maggiore anche in caso di partenze su fondi erbosi o fango, cosa che può accadere frequentemente in campeggi o altre località “fuori mano”. Questi pneumatici sono idonei per il transito durante i divieti di circolazione invernali.

  • Pneumatici invernali (detti anche “termici”): oltre ad essere, ovviamente, marcati M+S, hanno anche un disegno raffigurante una cima con una stella innevata stampigliato sul fianco, che significa che la mescola è più “morbida” e consente di andare in temperatura anche con asfalto freddo o congelato. Gli pneumatici invernali hanno un battistrada fortemente scanalato e fitto di fessure , che consentono di avere la massima aderenza su ghiaccio e neve, che, aiutate anche dal riscaldamento della mescola, permette al battistrada una maggiore aderenza rispetto al pneumatico M+S. Consiglio di utilizzare questi pneumatici solo durante la stagione invernale e di sostituirli con quelli estivi o M+S per le altre stagioni. È ovvio che questi pneumatici sono idonei per il transito durante i divieti di circolazione invernali.

Naturalmente, una guida tranquilla e premurosa consente di avere la massima sicurezza durante il viaggio.

In certe condizioni di particolare innevamento o ghiaccio, anche gli pneumatici invernali hanno dei limiti e conviene avere sempre le catene a bordo perché potrebbero, in certi casi, essere l'unica soluzione per continuare il viaggio.

Bisogna, comunque, ricordarsi che gli pneumatici non hanno una durata illimitata: dopo 4-5 anni conviene sostituirli perché le caratteristiche della gomma si degrada e, dopo, possono incorrere i soliti problemi di forature, scoppi, ecc...


Vuoi risparmiare il tuo tempo ed avere sempre disponibile sul tuo PC o SMARTPHONE, anche senza la connessione internet, la raccolta completa di tutti questi suggerimenti, trucchi, rimedi ed altri contenuti inediti, utili per la tua vacanza invernale in camper e caravan senza problemi?

Abbiamo realizzato questo eBook

banner ebook inverno1 newsletter

in formato PDF che potrai portarti sempre con te sul tuo Smartphone!

ACQUISTA ORA!

 Torna all'indice di Come fare per... preparare la meccanica in inverno

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@

Seguici su

facebook twitter you tube instagram

CAMP

camp vacanzelandia

CAMP è il fedele compagno di viaggio delle vostre vacanze! Cerca la struttura più adatta a te... Scopri di più

banner NoiconVoiTOUR2020 450px

button gallery

button calendario

button meteo


button restiamo in contatto newsletter

Iscriviti alla Newsletter! 

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@


progettare area attrezzata camper

button restiamo in contatto newsletter

button vacanzelandia solutions attivita

Vai all'inizio della pagina