Menu

Diario di viaggio in camper in Francia, Olanda, Belgio e un pizzico di Germania - estate 2018 -

tour estate 2018 aleiva

Un suggestivo itinerario in camper che attraversa la Francia, per arrivare in Olanda e in Belgio, raggiungendo anche la Germania. Ce lo raccontano nei dettagli Ivano ed Alessandra, accompagnati da cinque "amici" speciali: i loro cani Pastori Belgi. Attraverseremo tempeste, saliremo su Water Bus e Water Taxi, vedremo i Mulini a Vento e le Case Cubiche, castelli  ed abbazie medievali ed assaggeremo le ottime birre locali. 

 

16 AGOSTO 2018

IMG 20180825 WA0017Finalmente , dopo un lungo periodo di sosta forzata torniamo on the road con un nuovo mezzo: un Mobilvetta K Yochting 89 motorhome, dove abbiamo fatto montare nel gavone sulle porte  (aperte con due finestre a scorrimento) i Kennel per i nostri cinque cani da Pastore Belga,che viaggiano sempre con noi. Ovviamente la scelta dell’itinerario passa attraverso la Francia; mai e poi mai ci azzarderemmo ad attraversare la Svizzera perché sappiamo bene che ci basta un soffio per oltrepassare il peso consentito e non vogliamo rischiare.

Non abbiamo problemi di date per la partenza quindi ci mettiamo in strada giovedì 16 agosto in tarda mattinata, dopo essere passati alla ASL Veterinaria per ritirare il passaporto di Lothar, un belga malinois di quattro mesi, ultimo arrivato in famiglia.

Attraversiamo la Francia attraverso il passo del Monginevro (I) passando dalla bellissima BRIANCON (F) che conosciamo molto bene: l’idea è quella di fermarsi al lago di Nantua (F), anche se le opzioni possono essere varie, conoscendo queste zone molto bene. Arrivati a Nantua ci dirigiamo alla Area di sosta sul lago ( AA 46.15497N- 5.59656 E) che è molto affollata e presenta stalli piccoli ed estremamente ravvicinati e mal si adatta alle nostre esigenze di far uscire i 5 “bimbi” in sicurezza. In fondo siamo appena partiti e non abbiamo esigenze di scarico o carico, quindi torniamo indietro fermandoci in un ampio parcheggio sterrato  fronte lago, con un bel prato sul quale far sgambare un po’ i "bimbi" che hanno viaggiato nei nuovi kennel senza alcun problema.
Il posto è tranquillo e  si affianca un altro paio di camper. Oggi abbiamo percorso questo tragitto utilizzando le costosissime autostrade francesi: intanto abbiamo testato il nostro nuovo Telepass internazionale, che ha funzionato perfettamente… vedremo poi il conto!
E’ stata una giornata molto calda, la notte invece è passata liscia e fresca, i "cicci" hanno dormito in camper con noi, come sempre, e non ci sono stati problemi di sorta.

 

17 AGOSTO 2018

Continuiamo con la tappa di avvicinamento alla nostra meta principale , che è l’Olanda,  partendo da Nantua di buon’ora e dirigendoci a nord verso MULHOUSE (F), viaggiamo esclusivamente sulle strade statali attraverso le bellissime GOLE DELL'AIN (F). Percorriamo strade immerse nei boschi e tra infiniti campi di granoturco per approdare in una tranquillissima area di sosta attrezzata che si chiama Porta d'Alsazia , che fornisce CS ed allaccio elettrico.
Il caldo è decisamente più sopportabile e soffia parecchio vento. Questa mattina sembrava che volgesse al brutto ma poi, fortunatamente, si è aperto. Abbiamo tempo e modo di pulire bene tutti i kennels e di fare anche il carico dell’acqua. Per domani è prevista la sosta a COCHEM in  Germania dove non credo ci siano servizi.

 

18 AGOSTO 2018

Dopo aver viaggiato con code sulle gratuite autostrade tedesche arriviamo al  Castello di Eltz (D) ( park castello 50.212760N- 7.339090E ). E’ un bellissimo maniero medievale molto coreografico, sia per la sua struttura che per la sua posizione. Consigliamo la visita agli amanti di tale genere .
Nel park del castello non si può pernottare, quindi scendiamo a COCHEM (D) dove c’è un’area camper lungo la Mosella, che è già quasi piena e non dotata di servizi, ma per pernottare va benissimo.
Usciamo a fare un giro sulla passeggiata lungo il fiume e vediamo su un’altura un altro bellissimo castello, che terremo presente in un prossimo giro.

 castello eltz s

19 AGOSTO 2018

 

Giethoorn 2sGiethoorn 1sStrada facendo verso GIETHORN (NL) ragioniamo sulla possibilità, da considerare il prossimo anno, di avventurarci in Scandinavia fino a Capo Nord e alle isole Lofothen, anche se è un viaggio molto impegnativo, specie se affrontato con cinque cani al seguito della mole dei nostri.
In effetti questo viaggio ci dirà anche se saremo in grado di affrontare un lungo periodo in camper con loro. Nei nostri precedenti lunghi viaggi, Russia, Turchia, Scozia, avevamo solo Zara, ora i problemi sono moltiplicati per cinque. Al rientro tireremo le somme.
A GIETHORN ci appoggiamo al Camper Plaz Hamstede, pieno di italiani! Piazzole ampie, tutto molto pulito, servizi in ordine, spesa 13,50 euro compreso l’allaccio elettrico. Cielo coperto e 23 gradi, temperatura perfetta per un bel giro.
Il paese è splendido e caratteristico, val bene la fermata!
Affittiamo una barchetta elettrica sulla quale andiamo a fare il giro dei canali. Le auto sono bandite.
Arriviamo fino ad un grande lago, Lothar  ed inizia una rissa  con un cigno, tra soffi e ringhi: ho temuto che la barca si ribaltasse!
Per fortuna siamo riusciti a rientrare alla base senza problemi.
Non riusciamo a trovare il ristorante che ci avevano consigliato dei vicini di camper ma, per i loro standard è un po’ tardino; di solito cenano molto prima rispetto al nostro metro.

 

20 AGOSTO 2018

isola texel 1sOggi ci dirigiamo verso DEN HELSTER (NL) dove traghetteremo per l’isola di Texel.
Abbiamo scelto il percorso che ci porterà sulla grande diga Afsluiitdijk, che separa il mar del Nord  da quello interno e che garantisce che i territori sottostanti non vengano allagati. E' lunga 32 km ed è sovrastata da una strada a quattro corsie. Verso metà percorso c’è un punto panoramico dal quale poter scattare un po’ di foto.
Al porto di DEN HELSTER facciamo il biglietto A/R per l’isola di Texel sotto una pioggia battente ed un vento dannato. La traversata è breve , circa trenta minuti, e per fortuna sbarcando schiarisce.
La nostra meta è il faro più a nord dell’isola e la sua spiaggia, ampia, bellissima, sabbiosa e fredda che si affaccia sul mar del Nord. Qui c’è divieto di balneazione a causa delle forti correnti. Il mare è vissuto in una maniera completamente diversa da quella che conosciamo : aquiloni, tricicli a vela e tanti altri marchingegni che sfruttano la forza del vento e il grande faro rosso che fa da sfondo ad una giornata realmente diversa.

 

21 AGOSTO 2018

Ci svegliamo a VOLENDAM (NL) , dove abbiamo pernottato, accanto a noi c'è una coppia di coniugi belgi con due pastori belgi terveuren;  rimangono basiti  ed entusiasti quando vedono i nostri cinque.

VOLENDAM è una cittadina molto gradevole. Scendiamo a fare un giro al porto e "bighelloniamo" fra le viuzze affiancate dalle classiche casette olandesi con giardinetto e grandi vetrate che espongono oggettistica come se fossero vetrine!
Volendam 4sVolendam 2sDa VOLENDAM ci spostiamo all’isola di Marken (NL) , raggiungibile via terra, graziosa, molto turistica, dove acquistiamo un bellissimo giaccone in lana e pile per Ivano in un negozio il cui proprietario parla benissimo  l’italiano.
Ci fermiamo per il pranzo in un’area picnic e poi proseguiamo verso EDAM (NL) perché vorremmo vedere il Kaasemarket che ci sarà l’indomani.
L’area sosta camper segnalata anche in loco non permette, però, la sosta notturna e il campeggio adiacente NON ACCETTA CANI. Dopo aver cercato invano una soluzione, abbiamo deciso di rinunciare e proseguire direttamente per AMSTERDAM (NL), che dista una ventina di km. Facciamo tappa prima al City Park, ma non ci ispira affatto: è una spianata sterrata con tutti i camper ammucchiati senza disponibilità di piazzole con allaccio elettrico. Se pago, almeno lo voglio!
Alziamo i tacchi e andiamo al Camping Gaasper che ci era stato consigliato da alcuni italiani a GIETHORN, il camping è molto bello e curato, piazzole ampie, tanto verde,  un po’ caro (30,00 euro) ma vale la pena. A 200 mt, facendo una comoda passeggiata nel verde si arriva al capolinea della metro che ferma proprio alla stazione centrale di AMSTERDAM.

 

22 AGOSTO 2018

Tempo bellissimo! Abbiamo preso la metro che in circa quindici minuti ci ha portato alla stazione centrale ,ovvero nel cuore di AMSTERDAM (NL). La prima cosa che ci colpisce, come era successo a Copenaghen, è l’esiguità del traffico veicolare e la caterva di biciclette parcheggiate anche su più piani. E’ evidente dal gran numero di piste ciclabili e mezzi pubblici che questi due metodi sono gli assoluti privilegiati.
amsterdam 1s

amsterdam 2sAndiamo all’Info point dove facciamo il biglietto HOP ON-HOP OFF BUS+ BOAT che ci permetterà di salire e scendere a nostra volontà sia sul battello che sul bus godendo, a bordo, di un’audio guida in italiano che spiega i punti salienti.

Saliamo quindi sul battello con Lothar, che avendo quattro mesi evitiamo di lasciare in camper con gli altri per timore che in nostra assenza faccia danni; inoltre deve socializzare. Vediamo il Museo Van Gogh, la casa di Anna Frank, la Chiesa di San Nicola, le case gemelle e molto altro.
Ci fermiamo per pranzo in un locale in pieno centro dove troviamo due camerieri italiani con i quali scambiamo le nostre impressioni e che ci danno alcune dritte su dove andare a piedi.
Ci avventuriamo nel vicino centro storico e nel famoso quartiere Red Light. Ci sono un sacco di negozi che vendono Marijuana e suoi derivati come cioccolata, caramelle , dolcetti e perfino coni gelato, i famosi Caffè shop e le Signorine in vetrina. Qui tutto è legale, consentito  e alla luce del sole quindi a parte noi turisti nessuno ci fa caso.
Dopo aver girato per alcune ore ed aver acquistato un paio di scarpe per Ivano e un top per me con una bella stampa di Marijuana ( che in questo modo non è nociva!) saliamo sull’autobus e facciamo un grande giro  per la città vedendo la fabbrica Heineken e il centro dove tagliano i diamanti. Rientriamo in serata esausti, ma contenti della giornata.

 

23 AGOSTO 2018

kinderdijk 2Oggi giornata terribile, piove e tira vento. Dopo aver fatto il pieno di acqua , scaricato, sistemato i kennels, partiamo verso KINDERDIJK (NL)  ed i suoi mulini a vento.
In questo sito ce ne sono una ventina, funzionanti, spesso abitati e solo due sono realmente visitabili. A dire la verità sono un vero spettacolo!
Prendiamo il battello che, attraverso il canale, ci porta ai due mulini visitabili (chi ha la bicicletta può farlo sulla onnipresente ciclabile).
Sono due piccoli musei sulla vita che vi si conduceva  e vale veramente la pena visitarli.  Fuori da uno di essi, un gentilissimo signore prepara sul momento dei deliziosi dolcetti su una piastra con delle cavità in cui versa una pastella che cuoce immediatamente gonfiandosi e che vengono conditi con burro e zucchero vanigliato… Buonissimi!
rotterdam 2sCi fermiamo al Marine Park di ALBLASSERDAM (NL) dove con il Water Bus andiamo a ROTTERDAM (NL) per vedere le famosissime Case Cubiche, un complesso di architettura moderna molto particolare. Le case sono regolarmente abitate ed una è visitabile come un piccolo museo. Sicuramente originali, anche se io non potrei mai vivere in un posto così. I tre piani sono uniti da una strettissima e quanto mai scomoda scala a chiocciola ed ognuno è un vano circolare: al 1° piano cucina e living, al 2° piano stanza, studio e bagno; al 3° piano sotto il tetto un piccolo soggiorno. La particolarità sta nel fatto che i cubi poggiano ad angolo sullo spigolo  che rende tutto molto strano.
Per tornare alla fermata del Water Bus abbiamo preso il Water Taxi ed è stata un’avventura!
Li chiami al telefono e vengono a prenderti al molo dedicato ( in mezzo al fiume) sgommando, si fa per dire, e tirando su un’ondata di acqua. Si sale a bordo e partono filando come siluri in mezzo al Reno!

 

Lothar ha affrontato l’esperienza come un provetto navyseals, non si è lasciato intimorire ne dal movimento del molo con lo sciabordio dell’acqua che usciva dai fori delle griglie, ne dalle scalette aperte, ne dalla velocità e dai sobbalzi del motoscafo... un perfetto malinois!!!
Siamo rientrati con il  Water Bus e fatto una cena con i contro fiocchi!

 

24 AGOSTO 2018

Oggi lasceremo l’Olanda per andare a fare un giro in Belgio, dove siamo già stati, ma visitando posti diversi.
La direzione è quella di GENT (NL) facendo la N57 che ci porterà ad attraversare le tre isole dello Zeeland (NL) passando sopra le dighe.
Dalla altra parte del mare, verso ovest, c’è Londra e la Gran Bretagna.
Passiamo attraverso il  Westershelde Tunnel (NL) di 6,5 km che passa sotto il mare ed è a pagamento. Ci fermiamo nella area di sosta (5104581N - 3.70181) perché è ora di pranzo, poi ci sposteremo nel campeggio per trovare i mezzi pubblici che ci permetteranno di visitare il centro ( 51.04932N - 3.68743 E) nella area sosta si può pernottare, quindi chi è bici munito può anche restare lì.
Il campeggio presso il quale ci siamo recati, a circa 1 km dalla area sosta, è molto bello e ben servito da un bus (linee 38 o 39) che vi fa capolinea e che porta in pieno centro. GENT è molto carina; prendiamo il solito battello che ci porta per i canali e ci permette di ammirare il bellissimo castello medievale dei Duchi di Fiandra (solo da fuori perché chiude alle ore 17.00). La giuda ci spiega le funzioni delle varie costruzioni che vediamo lungo i canali.
Dopo aver passato un pomeriggio ad ammirare questa bellissima cittadina torniamo al campeggio dove prenotiamo la cena al ristorante che propone ad Ivano un buonissimo stinco arrosto e a me una bistecca  cotta alla perfezione come piace a me ( cioè al sangue) con contorno di insalata e una vagonata di patatine. Spendiamo 49 euro, molto meno che ad Amsterdam.

 

25 AGOSTO 2018

Dopo una nottata di pioggia e temporale passata al calduccio con una bella copertina, la mattinata si presenta soleggiata e fresca: 12°.

dinant 1sleffe abbazia sOggi andiamo a visitare DINANT (B) e l’abbazia di Leffe , che fa parte del famoso circuito di Abbazie Trappiste produttrici delle migliori birre belghe.Non l’avevamo compresa nel giro fatto alcuni anni fa e quindi rimediamo.Strada facendo ci fermiamo a TERVEUREN (B),la località che ha dato il nome ad una delle varietà di pastori belgi. Noi ne abbiamo due: Milly, una bellissima rossa, fulva con maschera nera e Argo, uno splendido sabbia carbonato con maschera nera. La cittadina è graziosa ma non presenta particolari caratteristiche, se ci fossimo organizzati avremmo potuto cercare gli allevatori in loco ma non è nostra intenzione , quindi dopo un breve giro proseguiamo per Dinant.

L’abbazia di Leffe purtroppo è chiusa quindi la fotografiamo da fuori e poi ci dirigiamo alla spianata della cittadella che sovrasta la città  e da cui si gode un panorama mozzafiato. Il parcheggio è ampio , gratuito e si può pernottare.
Facciamo il biglietto per la visita alla cittadella e per la teleferica che porta in centro città.
Scendiamo a fare un giro: DINANT è proprio bella, in riva al fiume Mosa (B). Ci fermiamo in centro  in un negozio che vende una miriade di birre che in Italia neppure ci sogniamo, compreso alcuni tipi di Leffe da noi introvabili. Chiaramente facciamo il pieno, ma poiché dobbiamo risalire con la teleferica e visitare la cittadella, ci accordiamo col negoziante il quale, gentilissimo , ci prepara lo scatolone che ci lascerà alla boulangerie  di fronte in modo che l'indomani possiamo ritirarlo senza gravarci del peso. Risaliamo alla cittadella ed entriamo per visitarla: è una struttura possente, con ambientazioni che ne spiegano la storia e c'è la simulazione di una trincea con tanto di bombardamento che a Lothar, al quale è stato permesso di entrare, non ha fatto neppure un baffo!

 

26 AGOSTO 2018

orval abbaziaStamattina ci sono 7° e il sole. Ritiriamo le nostre birre alla boulangerie e facciamo il pieno di dolci, poi usciamo dalla cittadina passando dalla strada intagliata nella grande roccia e per vederla meglio invertiamo la marcia in modo da passarci attraverso! È fantastica, ci passiamo proprio al pelo! Ma ne valeva la pena.

 

La strada ci porta verso l’abbazia di Orval (B), altra nota abbazia dove si produce la birra dei Trappisti. Ci sono le rovine della vecchia abbazia medievale andata distrutta durante la rivoluzione francese e la nuova ricostruita. C’è inoltre un interessante museo della birra che fa vedere tutto il ciclo di produzione e uno shop dedicato dove, ovviamente, compriamo una cassa da dodici bottiglie e un chilo di  ottimo formaggio alla birra di Orval.

 

Oggi qui vicino si corre il gran premio del Belgio ( vorrai mica perderlo!), quindi  ci fermiamo, alziamo la parabola e via!
Finito il GP, veleggiamo verso METZ (F) dove abbiamo intenzione di pernottare al camping municipale; la raggiungiamo attraverso il Lussemburgo, ma perdiamo l’occasione di fare carburante a 1,090… Abbiamo letto il prezzo troppo in ritardo!

 

27 AGOSTO 2018

requiwir scorcioScendiamo in ALSAZIA (F): l’abbiamo già girata in lungo e in largo ma REQUEWIHR (F) ci manca ed è lì che siamo diretti. Ci fermiamo al parcheggio adiacente al centro:  non si può pernottare e costa 10 euro per tre ore ma è proprio comodo.

 

La cittadina è deliziosa: la torre dell’orologio, la piazza con la fontana, i fiori alle finestre, le case a graticcio. Ci sono numerosi negozi e cantine che vendono i famosi vini di Alsazia, che ovviamente compriamo, insieme ad una fatina che andrà a rimpiazzare una di quelle che nel tempo si sono rotte.

 

Assomiglia molto a Rottenburg Ob Der Tauber, nella Romantiche Strasse e c’è anche lo stesso negozio di oggettistica natalizia.
Per la notte ci spostiamo al camping che dista circa un paio di Km.

 

Domani scenderemo lungo la JURA (F) e la FRANCE COMTÉ (F), avvicinandoci verso casa.

 

28 AGOSTO 2018

Scendiamo costeggiando la Svizzera, percorrendo strade bellissime e poco conosciute, in mezzo ai boschi e alle montagne, con numerose stazioni sciistiche. Ci fermiamo a LELEX (F) a 1320 metri, dove c’è una bellissima area di sosta. Durante il viaggio ha fatto molto caldo, qui invece c’è una gradevolissima aria frizzante. Portiamo i "cicci" a sgambare in un prato adiacente, facciamo un giretto nel paese; il tempo è bello e passiamo tranquillamente la serata e la nottata.

 

29 AGOSTO 2018

col iseranDai monti della JURA arriviamo al Passo Iseran (F) , il più alto d’Europa, con i suoi 2770 metri.  Supera perfino quello dello Stelvio.
I km da fare non sono tantissimi ma il tempo cambia radicalmente; ci fermiamo a pranzare nei pressi di BURG ST. MAURICE (F) e diluvia "pesantissimamente" con un vento tremendo. Siamo quasi titubanti alla idea di affrontare l’Iseran, ma piano piano la buriana si calma e ripartiamo verso la VAL D'ISERE (F).

 

La cima dell’Iseran, che comunque avevamo già fatto, è sempre suggestiva: non fa neppure freddissimo (14°) ma tira un vento fortissimo. Scendiamo a fare la foto di rito con Lothar che ovviamente non ci era mai stato e ripartiamo scendendo a LANSLEBOURG MONT CENIS (F), località che conosciamo benissimo e nella quale abbiamo pernottato numerose volte.

 

 

 

 

30 AGOSTO 2018

Da LANSLEBOURG a casa attraverso il Moncenisio è un soffio: appena scesi dal passo si arriva a SUSA (TO) e con l’autostrada, in neppure un paio d’ore, siamo a casa a sognare e programmare la prossima partenza!

 

Conclusioni: viaggiare con cinque pastori belgi è decisamente impegnativo  ma non impossibile, i kennel che abbiamo fatto costruire su misura  hanno funzionato benissimo, loro hanno viaggiato bene e in sicurezza, noi in tranquillità.
Certamente si deve mettere in conto il fatto che ad ogni fermata vanno fatti scendere e sgranchire, inoltre li abbiamo sempre tenuti con noi nel camper nelle soste, durante il pranzo e durante la notte. Quando abbiamo dovuto lasciarli nel camper perché andavamo a visitare qualcosa, non abbiamo mai avuto problemi.
A questo sono sempre stati abituati.
Quindi riteniamo che non ci siano scuse nel lasciarli a casa o in pensioni varie, basta organizzarsi ed avere un po’ di spirito di adattamento e pazienza.
Sicuramente la loro presenza è un deterrente spettacolare nei confronti di qualsiasi malintenzionato!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

la guida utile
"COME SCEGLIERE IL CAMPER"

Seguici su

facebook twitter you tube google instagram

button gallery

button calendario

button meteo

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

la guida utile
"COME SCEGLIERE IL CAMPER"

Link consigliati

  • Natale 2018 - oltre 600.00 camperisti in Italia on the road - Scopri di più

SEI UN'AZIENDA? CLICCA QUAbutton vacanzelandia solutions attivita

progettare area attrezzata camper

button restiamo in contatto newsletter

button vacanzelandia solutions attivita

Vai all'inizio della pagina